01 febbraio 2013

Diritti umani in Palestina.

Dura presa di posizione del Consiglio dei Diritti umani delle Nazioni Unite sulle violazioni di Israele nei territori palestinesi

Estese alla Valle del  Giordano le operazioni militari di distruzione degli insediamenti palestinesi .

A partire dalla fine di novembre, subito dopo il riconoscimento ONU della Palestina come Paese Osservatore, Israele ha messo in atto una serie di operazioni militari di sgombero di alcuni agglomerati di comunità palestinesi vicine ad istallazioni di coloni, autorizzando l’esercito ad operazioni di distruzione delle abitazioni e degli accampamenti che hanno interessato anche la Valle del Giordano.

Nel corso del mese di gennaio, le operazioni militari da parte dell’esercito sono riprese ed hanno interessato più direttamente anche il Nord della valle del Giordano e coinvolto anche alcuni villaggi dell’area C della regione di Tubas. La zona è stata militarizzata, chiusi i punti di accesso e l'intero villaggio di Al Maleh, poco distante da quello di Ras al Ahmar, ove risiedono le comunità beduine interessate dal progetto, sostenuto dal Comitato Italiano Contratto mondiale dell'Acqua e dalla Comunità di Sant Angelo solidale, finalizzato a garantire l'accesso all'acqua a comunità beduine .

In questi giorni anche il Consiglio dei Diritti umani dell'ONU di Ginevra ha preso posizione contro queste violazioni a seguito anche del rifiuto di Israele di partecipare all'incontro periodico di valutazione dei diritti umani nei Territori occupati di martedì 29 gennaio. (vedi : ansa.it )

ultima modifica: 08/02/2013 Alma P.

Immagini

Come contribuire
Comitato Italiano Contratto Mondiale sull'acqua - Onlus

Via Rembrandt, 9 - 20147 Milano
Tel:+39/02 89072057 - +39/02 89056946
fax:+39/02 89056946 - cellulare: 3274293815
info@contrattoacqua.it

pec@contrattoacquapec.it

 

back_to_top