09 aprile 2008

Fiorenzuola d´Arda (PC). L´acqua potabile come merce

Un po' in tutto il pianeta, inquinamento e usi irresponsabili legati soprattutto all'irrigazione stanno cominciando a intaccare le riserve di acqua potabile, bene indispensabile ma esauribile di cui già un miliardo e quattrocento milioni di persone sono prive sul pianeta. Come se non bastasse, c'è chi cerca di trasformare anche questa risorsa primaria da diritto inalienabile dell'umanità in merce. L'acqua, invece, sostengono i firmatari del Contratto Mondiale per l'Acqua, «è fonte di vita e bene comune che appartiene a tutti gli abitanti della terra e nessuno, individualmente o come gruppo, se ne può appropriare a titolo di proprietà privata». E ancora: «a ogni abitante del pianeta deve essere concesso il diritto d'accesso all'acqua».

Emilio Molinari del CICMA, relatore della serata, spiegherà perché è necessario opporsi al processo di privatizzazione dell'acqua
ultima modifica: 24/01/2013 Alma P.

Immagini

Come contribuire
Comitato Italiano Contratto Mondiale sull'acqua - Onlus

Via Rembrandt, 9 - 20147 Milano
Tel:+39/02 89072057 - +39/02 89056946
fax:+39/02 89056946 - cellulare: 3274293815
info@contrattoacqua.it

pec@contrattoacquapec.it

 

back_to_top