04 agosto 2020

PRIVATIZZARE FA MALE AL BRASILE

Si dice molto sulla superiore efficienza dell'iniziativa privata rispetto a quella statale. Ciò che è successo nello Stato del Tocantins in Brasile è un esempio della falsità di questo argomento.
Dall'aprile 1989 al 1998, Saneatins è stata una società di servizi igienico-sanitari di base statale che ha servito 47 comuni, su 139 nello stato di Tocantins. Nel 1998 è stata privatizzata dal governo dello stato e ha iniziato a essere controllata da Odebrecht fino all'aprile 2017, quando è stata acquistata da BRK Ambiental. Quando è stata privatizzata nel ‘98, Saneatins ha servito 47 comuni e, cosa interessante, oggi continua a servire gli stessi 47, vale a dire, il resto dei comuni dello Stato rimane incustodito, poiché sono considerati di bassa redditività economica. Uno studio condotto da IBGE nel 2019 mostra che il 70% degli abitanti non dispone di un trattamento delle acque reflue. Secondo BRK, il 90% di Palmas, la capitale del Tocantins, ha un trattamento delle acque reflue, tuttavia solo 12 altri comuni dello stato dispongono di questo servizio. Solo nel 2010, 12 anni dopo la privatizzazione di Saneatins, è stato creato dal governo di Tocantins l'ATS – Agenzia Tocantinense di Sanificazione, che sarebbe stata responsabile per il funzionamento dei restanti comuni solo dopo il 2012. Questa negligenza premeditata del potere pubblico provoca la falsa impressione che l'iniziativa privata sia più efficiente dello stato. Oggi Saneatins è presente in 12 dei 27 stati brasiliani. Secondo la logica del profitto, la società ha scelto di agire nelle città che garantiscono una maggiore redditività economica e, possibilmente, di fornire i servizi con il più alto ritorno finanziario. Osservando questo precedente, è chiaro che il quadro normativo in materia di servizi igienico-sanitari non è stato creato per soddisfare le esigenze della popolazione. Esso facilita l'ingresso del settore privato nell'esplorazione delle risorse idriche e ciò darà la priorità a quelle economicamente sostenibili, lasciando gran parte della popolazione senza i servizi di base necessari per la salute. Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef), la mancanza di servizi igienici adeguati e la scarsa igiene sono responsabili dell'88% dei decessi per diarrea, la seconda causa di morte nei bambini di età inferiore ai 5 anni. La fattibilità economica presentata come pretesto da Saneatins per non lavorare nei comuni senza un ritorno sufficiente non tiene conto, ad esempio, dei dati dell'OMS che per ogni R $ 1 investito in servizi igienico-sanitari, R $ 4 viene risparmiato in salute. Tuttavia, in questo momento di pandemia, questi dati sono stati usati come argomento per giustificare la necessità di votare il quadro normativo per i servizi igienico-sanitari di base e migliorare la privatizzazione delle società statali in questo segmento. Competere con un avversario che ha scelto di servire solo comuni economicamente validi indebolisce le aziende statali che non possono offrire servizi di massima qualità ai comuni che servono a causa della logica di demolizione adottata da funzionari governativi in favore della privatizzazione. Il quadro normativo prevede obiettivi di servizio, con una scadenza del 2033 da rispettare. Tuttavia, i disaccordi su questioni ambientali sono già una scusa utilizzata da Saneatins, ad esempio, per non rispettare le opere. Un altro problema relativo a questi obiettivi è che le città "vitali" hanno già strutture molto vicine a quelle raccomandate dagli obiettivi definiti dal Quadro normativo, votato dal Senato. Qual è la possibilità che i piccoli comuni ricevano investimenti da queste società "efficienti" e private? Con l'obiettivo di soffocare completamente le aziende statali, queste saranno incaricate di investire, entro il 2033, in servizi igienico-sanitari di base in modo che il 90% della popolazione dei piccoli comuni abbia accesso all'acqua e al trattamento delle acque reflue, mentre le società private serviranno solo comuni "vitali" economicamente, cioè quelli in cui lo stato ha già investito nella struttura. Vale la pena ricordare che la privatizzazione non riscatta questi investimenti. Il quadro normativo per i servizi igienico-sanitari di base ha regolato solo chi trarrà vantaggio dallo sfruttamento delle nostre risorse idriche e chi invece ci perderà. Le persone perderanno di nuovo. Traduzione da un articolo di Jura Calgiuri pubblicato su http://www.lutapelosocialismo.org.br/1896/privatizar-faz-mal-ao-brasil
ultima modifica: 04/08/2020 Alma P.

Immagini

Come contribuire
Comitato Italiano Contratto Mondiale sull'acqua - Onlus

Via Rembrandt, 9 - 20147 Milano
Tel:+39/02 89072057 - +39/02 89056946
fax:+39/02 89056946 - cellulare: 3274293815
info@contrattoacqua.it

pec@contrattoacquapec.it

 

back_to_top